05/02/2014 - ROMA – Inaugurata questa mattina l’unità residenziale destinata all’accoglienza di ragazzi con disabilità. Un risultato che ha visto coinvolta un’importante società leder nel settore dell’arredamento, IKEA Italia Retail, che ha donato alla Comunità una fornitura di arredamenti

da interno e cucina completa. “Non si è trattato di una semplice donazione – ha detto Sonia Trobiani, intervenuta all’inaugurazione per conto di Ikea, - ma di un vero e proprio gesto di responsabilità sociale ed ambientale. Prima della fornitura, abbiamo pensato ad un progetto di arredamento rendendolo funzionale alle esigenze di chi verrà ad abitarci. Ikea – ha proseguito – si è dimostrata responsabile anche con la vostra iniziativa”. Un sussulto di gioia da parte delle famiglie e dei ragazzi, oltre che degli operatori presenti, la Casa si presenta completamente nuova, all’avanguardia, assolata, con una visuale mozzafiato sul parco dell’Appia Antica. “Ikea ha condiviso con Capodarco un obiettivo significativo - ha detto Luigi Politano, Presidente della Comunità Capodarco di Roma Onlus, - accompagnare le persone con disabilità in un percorso di autonomia individuale che non può non cominciare dalla casa, da quegli spazi di vita primari ed essenziali, tipici di una normale famiglia”. Al taglio del nastro c’era anche Erika Battaglia, presidente della Commissione Politiche Sociali e Salute di Roma Capitale, che ha esaltato il ruolo della Comunità di Capodarco in questo momento di crisi davvero allarmante. “Il welfare - ha dichiarato – deve fare i conti, necessariamente, con la responsabilità sociale d’impresa. Capodarco – ha aggiunto – ci ha messo anche del suo, nonostante le mille difficoltà qui non ci si arrende mai, nonostante tutto, nonostante la crisi. La comunità – ha concluso – trova sempre la forza, quell’energia, per entrare dentro i problemi, riuscendo a risolverli con la determinazione e la tenacia che le appartengono”. Quella di IKEA, in particolare del negozio IKEA di Roma Anagnina, è stata una scelta che contribuisce concretamente alla qualificazione dei servizi forniti da Capodarco, un gesto che concorda perfettamente con la visione strategica della società svedese che ha, da sempre, messo al centro della sua azione l’attenzione al benessere sociale ed ambientale e al miglioramento delle condizioni di vita nei confronti delle persone e delle comunità.