Roma 14.10.2017 - Ricordi che non si dimenticano facilmente. Spiaggia, mare e compagnia in un contesto insolito, lontano dal caos della metropoli. I nostri comunitari hanno avuto, anche quest'anno, l'opportunità di trascorrere un periodo di vacanza alla tenuta di Castelporziano, un polmone verde che, grazie al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha aperto le porte al pubblico. Uno spazio dove persone disabili ed anziani, nel periodo estivo, trascorrono attività ricreative e distensive godendo di un paesaggio mozzafiato e suggestivo. La tenuta presidenziale di Castelporziano, un'area verde sconfinata che arriva fino al mare, è una delle tre residenze della più alta carico dello Stato, assieme al palazzo del Quirinale e a Villa Rosebery di Napoli. Il racconto dell'esperienza di quest'anno in un video. Clicca  su: https://www.youtube.com/watch?v=O81Au7Lfyt Video racconto centri estivi di Castelporziano.

Roma 25.2.2017 – In quell’abbraccio (foto di Stefano dal Pozzolo) tra don Vinicio e Papa Francesco c’è tutta la comunità, la storia, la radice e la vita di una realtà che in questi ultimi 50 anni si è occupata dei più deboli. Nel suo saluto, don Vinicio Albanesi ha ringraziato il Pontefice “per la sensibilità e l’attenzione nei nostri confronti”. Ed ha aggiunto: “siamo qui presenti da tutta Italia: dal Veneto alla Sicilia, dalle Marche, dall’Umbria, da Roma alla Calabria, ma anche dai paesi dell’Africa, rifugiati nel nostro Seminario di Fermo: insieme ai genitori preoccupati del futuro dei loro figli, ai nostri Parrocchiani, a quanti con noi credono e agiscono nel rispetto delle persone, senza scarti, come lei spesso ripete. Le chiediamo – aggiunge - dopo la Evangelii Gaudium e Laudato si, una sua riflessione sulla dignità della persona, immagine di Dio. Il mondo sembra rinchiudersi in dettagli sempre più ristretti e angusti, preoccupati solo del loro esistere. Sarebbe bello un Sinodo incentrato sulle capacità umane, anche se frammisto a debolezze e contraddizioni”. Una giornata memorabile (25.2.2017), indimenticabile, per la nutrita delegazione di ospiti e familiari delle diverse strutture italiane (circa 2800 persone), guidate dal presidente don Vinicio Albanesi, dal fondatore della Comunità, don Franco Monterubbianesi, e dal vescovo di Fermo S.E. Mons. Luigi Conti, per l’udienza privata con Papa Francesco.

Leggi tutto: Capodarco da Papa Francesco. "Siamo il popolo...

Roma 07.08.2017 - L'Associazione Capodarco Roma Formazione ONLUS  realizza  Percorsi Formativi individualizzati gratuiti per giovani disabili dai 18 ai 29 anni. I corsi sono promossi dalla Regione Lazio, dalla Città Metropolitana di Roma Capitale, tramite Fondo Sociale Europeo. Questa particolare formazione professionale è centrata sulla persona/allievo e tesa a valorizzarne le risorse, per facilitare poi un possibile inserimento lavorativo. Il percorso - che può durare fino a quattro anni -  si articola secondo gli orari e i tempi dell’anno scolastico.  E’ previsto un periodo iniziale e finale in aula, mentre i mesi centrali sono dedicati ai tirocini formativi curriculari. Anche durante il tirocinio formativo  ci sono giorni di “rientro a scuola” dove prosegue l’attività didattica e si affrontano le difficoltà incontrate. In aula si svolgono l’orientamento, l’acquisizione di competenze di base e traversali, l’acquisizione e l’approfondimento di competenze professionali specifiche. Le aree di tirocinio sono in genere: segreteria, informatica, ristorazione, commercio, servizi e grande distribuzione, agricoltura, vivaistica, artigianato. Come accedere? E' necessario telefonare direttamente all'Associazione, e prendere appuntamento per un colloquio di valutazione dei requisiti necessari per l’iscrizione, fino ad esaurimento posti. Per ulteriori informazioni vai al sito www.capodarcoromaformazione.it.  

Roma 22.02.2017 Sabato 25 febbraio, Papa Francesco riceve le Comunità Capodarco di tutta Italia. Grande attesa per tanti comunitari che in queste ultime settimane hanno lavorato per portare a Papa Bergoglio il valore storico di una Comunità che in questi ultimi 50 anni ha dato risposte concrete alla povertà e all’emarginazione sociale. Sarà una giornata memorabile per la Comunità di Capodarco: una delegazione di 100 rappresentanti sarà ricevuta in udienza privata in Vaticano al cospetto di un Pontefice che già dalle prime udienze ha esortato la Chiesa a mettersi al servizio degli ultimi. Memorabile quella sua invocazione “come vorrei una Chiesa povera per i poveri!” Don Franco, don Angelo, don Vinicio e tanti operatori, volontari e famiglie porteranno al soglio di Pietro la testimonianza uomini e donne che hanno speso il loro impegno e la loro passione in progetti ed opere di misericordia corporale e spirituale (foto di Stefano dal Pozzolo).

Roma 27.03.2017 Il 5 per mille è una risorsa importante per la Comunità Capodarco di Roma, soprattuto in un momento come questo, di tagli e di crisi economica. Un sostegno per far fronte ad una serie di iniziative ed attività che assicurano alle persone disabili il diritto ad una vita normale e felice. La Comunità, infatti, ha sempre ritenuto che l’emarginazione sociale si combatta non solo con i servizi, siano essi residenziali, ambulatoriali, ma anche con azioni e progetti che rispondano ai bisogni delle persone, sostenendo la formazione, il lavoro, la socialità, senza mai limitare le scelte di vita di ciascuno. Si è trattato in questi anni di garantire a tutti il "diritto alla normalità;" di ricevere assistenza sì, ma anche di fare emergere i talenti, le potenzialità dei ragazzi, organizzando anche momenti di svago, brevi vacanze, ritagliando anche il  tempo per il gioco, la cultura, l'incontro, tutte cose naturali e normali, che spesso sono negate alle persone più deboli e vulnerabili. Il 5 per mille a Capodarco serve anche a questo; a sostenere la normalità delle persone disabili. Negli anni, il 5 per mille è stato anche un importante sostegno per l’incontro della Comunità con i giovani, con risultati esemplari dal lato dell’integrazione e della crescita professionale. Sostienici. Firma l'apposito spazio sulla tua dichiarazione dei redditi indicando il codice fiscale della Comunità Capodarco di Roma onlus: 96213060583. Non costa nulla!

Roma 22.02.2017 Ci sarà anche la Comunità Capodarco di Roma al premio Formica d’oro di quest'anno. I premi della manifestazione che elogia pubblicamente le buone pratiche nell’ambito civico, sociale e culturale sono stati realizzati dai ragazzi dei Laboratori Sociali della Comunità, mentre l’animazione dell’evento è affidata allo spettacolo della Compagnia teatrale "Butterfly" dal titolo “Quattro formiche sulle ali di una farfalla.”  Appuntamento sabato 25 febbraio con la X edizione del Premio Formica d’Oro, dalle 16 alle 20 presso la sede del Comitato Regionale Lazio della CRI, in Via Bernardino Ramazzini 31, Roma (Sala Solferino).  Il Premio viene assegnato ogni anno a Organizzazioni di Terzo settore, Media, Enti Locali, Ricercatori, Progetti di Servizio civile e singole personalità che siano stati segnalati per azioni, studi, iniziative e interventi di rilievo tale da essere elemento di promozione e valorizzazione del Terzo Settore a tutti i livelli e di innovazione sociale.

Leggi tutto: Premio Formica d'oro: le targhe della X edizione...

Sottocategorie